search instagram arrow-down

il vento, la ricerca dei perchè

Magica natura

Soffi di poesia

► «Mi piace la gente che sa ascoltare il vento sulla propria pelle, sentire gli odori delle cose, catturarne l’anima» (Alda Merini). ◄

► «Il vento, senti come corre per il mare, per il cielo. Vuol portarmi via.» (Pablo Neruda).◄

Archivi

Tag

Anima boschi fiumi e laghi fotografia letture Mare montagna paesi e città Persone pioggia pittura poesia

Commenti recenti

cuoreruotante su Donne vere
ciliegina su Preghiera di Natale
Emozioni su Fiabe
André su Migranti
Emozioni su Lui c’è
juanmiguelesteban su Mondo che accade
le hérisson su Mondo che accade
juanmiguelesteban su Cape Cod
JPK su Orgoglio di donna
juanmiguelesteban su Orgoglio di donna
silvia su Orgoglio di donna
silvia su Orgoglio di donna
macalder02 su L’invenzione
macalder02 su Il mare dentro
Io sono zingara — il… su Io sono zingara

Statistiche del Blog

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 327 follower

L'autore

Traduci

Sorrisi che di colpo si spengono, occhi che guardano nel buio o si chiudono per proteggersi dal mondo. E’ il terribile dramma dei figli delle donne uccise dai mariti o dai compagni.

«Sono 1.600 gli orfani del femminicidio in Italia. Un esercito di silenzio e di solitudine che segue, come un rivolo di dolore, la violenza alla quale questi bambini o ragazzi hanno assistito. Talvolta avvertendone i sinistri presagi, chiusi in una stanza mentre le urla e i rumori di cose che si rompono — ossa, vasi, piatti — spezzano l’incanto dell’infanzia o dell’adolescenza. Talaltra assistendo persino all’esecuzione. Un padre che uccide una madre, davanti agli occhi di un figlio. Cosa di più spaventosamente tragico per chi rimane, vuoto e solo? Quale voragine si può aprire nella vita di una creatura che assiste allo strazio del corpo, alla dilapidazione del sangue di chi ti ha partorito, di chi ti ha messo a dormire, ti ha insegnato a camminare, a mangiare, ti ha raccontato le storie buone per i sogni, di chi ha scaldato il tempo del tuo inizio? Il ragazzo che ho davanti mi racconta quello che più gli manca di sua madre, uccisa dal padre quando lui aveva quattro anni: «Io ricordo solo due cose di lei: i capelli e il calore. Se penso alla serenità, al senso di pienezza e sicurezza che provavo quando lei era a fianco a me nel letto il cuore mi si ferma. Quando lei si mette a letto con te e tu dormi tranquillo. Quella è la cosa che mi manca. Sapere che lei c’è, al tuo fianco. Mi manca sentire il profumo, il calore, la presenza fisica. Mi manca il suo odore, l’unica cosa che ricordo nettamente. (Walter Veltroni, da “Il Corriere della Sera 27ª ora”)».

Foto di Esther Moreno

Un dolore inaccettabile. Quando finirà?

In copertina: foto di Wojciech Kozielczyk 

Lascia un commento
Your email address will not be published. Required fields are marked *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: