Gli alberi ci parlano

Gli alberi ci parlano. Scrivono la loro storia sulla corteccia, e con le foglie la cantano nel vento. Ci mostrano la forza delle radici, e con essa l’importanza del legame con la terra. Sono buoni maestri e ci guidano alla nostra essenza più profonda….

Cedi la strada agli alberi. Fatti girare la testa velocemente e poi fermala, apri gli occhi a caso: davanti a te c’è una scena del mondo, vedi quanto è preziosa, vedila bene, con calma, tieni la testa ferma, rallenta il giro del sangue. Che meraviglia che sia mattina, che abbia smesso di piovere. Mai vista una primavera così bella, la luce sembra impazzita, il silenzio concima le ginestre, sono quieti i paesi da lontano. È bene ricordarsi ogni tanto il miracolo di stare nella luce del giorno, davanti a un albero, a un volto. Concediti una vacanza intorno a un filo d’erba, dove non c’è il troppo di ogni cosa, dove il poco ancora si festeggia con il pane e la luce, con la muta lussuria di una rosa. Abbiamo bisogno di contadini, di poeti, di gente che sa fare il pane, che ama gli alberi e riconosce il vento. (Franco Arminio)

Ci sono alberi altissimi, che si protendono al cielo quasi a toccare le nuvole o a rubare le stelle. Ci sono tronchi simili a piccole caverne, che sembrano uscire da racconti di elfi e di fate. C’è tanta bellezza nel loro mondo e a volte anche un po’ di magia….

Tu non sai: ci sono betulle che di notte levano le loro radici, e tu non crederesti mai che di notte gli alberi camminano o diventano sogni. Pensa che in un albero c’è un violino d’amore. Pensa che un albero canta e ride. Pensa che un albero sta in un crepaccio e poi diventa vita. Te l’ho già detto: i poeti non si redimono, vanno lasciati volare tra gli alberi come usignoli pronti a morire.(Alda Merini)
(In copertina: foto di Lyudmila Izmailova)

Gli alberi filtrano l’aria e spargono nelle valli profumate macchie di colore verde scuro….(foto di David Gabis)
Gli alberi ti parlano, se li sai ascoltare. Non è difficile farlo, basta sederglisi accanto ed aspettare….(foto di Evgeniya Litovchenko)

3 Comments

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...